Foto Roberto Barbato

Roberto BARBATO

 
  • Prorettore
Macro struttura
 
SSD BIO/04
Matricola 000234
0131 360 294   (int.: 3294)
0131 360 243

Impegni settimanali

Contatti

0131 360 294   (int.: 3294)
0131 360 243

Ricevimento e Altre Informazioni

Su appuntamento da fissare via e-mail

A. A. 2011 / 2012
Primo Semestre
SSD: BIO/04
CFU: 6
Ore: 48
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
SSD: BIO/04
CFU: 9
Ore: 72
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
SSD: BIO/04
CFU: 9
Ore: 72
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
Secondo Semestre
SSD: BIO/04
CFU: 3
Ore: 24
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
A. A. 2012 / 2013
Primo Semestre
SSD: BIO/04
CFU: 6
Ore: 48
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
SSD: BIO/04
CFU: 6
Ore: 48
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
SSD: BIO/04
CFU: 9
Ore: 72
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
SSD: BIO/04
CFU: 6
Ore: 48
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
A. A. 2013 / 2014
Primo Semestre
SSD: BIO/04
CFU: 6
Ore: 48
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
SSD: BIO/04
CFU: 9
Ore: 72
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
A. A. 2014 / 2015
Primo Semestre
SSD: BIO/04
CFU: 6
Ore: 48
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
SSD: BIO/04
CFU: 9
Ore: 72
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
A. A. 2015 / 2016
Primo Semestre
SSD: BIO/04
CFU: 6
Ore: 48
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
SSD: BIO/04
CFU: 9
Ore: 72
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
A. A. 2016 / 2017
Primo Semestre
SSD: BIO/04
CFU: 6
Ore: 48
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
SSD: BIO/04
CFU: 9
Ore: 72
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
Secondo Semestre
SSD: BIO/04
CFU: 3
Ore: 24
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
A. A. 2017 / 2018
Primo Semestre
SSD: BIO/04
CFU: 9
Ore: 72
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
SSD: BIO/04
CFU: 9
Ore: 72
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
Secondo Semestre
SSD: BIO/04
CFU: 3
Ore: 24
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
A. A. 2018 / 2019
Primo Semestre
SSD: BIO/04
CFU: 9
Ore: 72
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
Secondo Semestre
SSD: BIO/04
CFU: 6
Ore: 48
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
SSD: BIO/04
CFU: 6
Ore: 48
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica
SSD: BIO/04
CFU: 2
Ore: 16
Dipartimento: Dipartimento di Scienze e Innovazione Tecnologica

Pubblicazioni

Ricerca

Meccanismi molecolari di fotoprotezione in Arabidopsis thaliana – La luce, benché un substrato fondamentale per la fotosisntesi, molte volte rappresenta un fattore di rischio che può effettivamente limitare la produttività delle piante. La comprensione dei meccanismi molecolari che stanno alla base della capacità di adattarsi alle diverse intensità di luce nonché alle improvvise fluttuazioni proprie dell’ambiente naturale, rappresenta quindi un target importante in programmi di ottimizzazione della produttività.

Tolleranza agli stress abiotiotici Thellungiella halophila – Thellungiella halophila, una pianta filogeneticamente vicina ad Arabidopsis, sta diventando la pianta modello nello studio degli stress abiotici. Questa pianta, inizialmente isolata in ambienti caratterizzati da una elevatissima salinità, si è poi dimostrata essere tollerante anche ad altri stress abiotici, quali la siccità, i metalli pesanti etc. Dato che il problema della salinizzazione è uno dei principali problemi posti dall’agricoltura moderna e che le puante utilizzate in agricoltura sono invariabilmentre glicofite (non tollerano il sale), la comprensioni dei meccanismi molecolari alle base della resistenza alla salinità, è di sicura può rilevanza per lo sviluppo di piante di interesse agronomico caratterizzate da una maggior resistenza al sale