Foto Carlo Zoppi

Carlo ZOPPI

 
Ruolo Ricercatori 79
Macro struttura
 
SSD L-ANT/07
Matricola 000159
0161 228 367   (int.: 5367)
0161 269 959

Impegni settimanali

Contatti

0161 228 367   (int.: 5367)
0161 269 959

Ricevimento e Altre Informazioni

Orario di ricevimento: venerdì, ore 16-18.

A V V I S O

Il ricevimento è sospeso nei giorni 10, 17, 24 maggio 2019 per impegni di ricerca fuori sede del docente.

Il docente è sempre contattabile via e-mail.


A. A. 2012 / 2013
Secondo Trimestre
SSD: L-ANT/07
CFU: 6
Ore: 36
Dipartimento: Dipartimento di Studi Umanistici
A. A. 2013 / 2014
Primo Semestre
SSD: L-ANT/07
CFU: 6
Ore: 30
Dipartimento: Dipartimento di Studi Umanistici
A. A. 2014 / 2015
Secondo Semestre
SSD: L-ANT/07
CFU: 6
Ore: 30
Dipartimento: Dipartimento di Studi Umanistici
A. A. 2016 / 2017
Secondo Semestre
SSD: L-ANT/07
CFU: 6
Ore: 30
Dipartimento: Dipartimento di Studi Umanistici
A. A. 2017 / 2018
Secondo Semestre
SSD: L-ANT/07
CFU: 6
Ore: 30
Dipartimento: Dipartimento di Studi Umanistici
SSD: L-ANT/07
CFU: 6
Ore: 30
Dipartimento: Dipartimento di Studi Umanistici
A. A. 2018 / 2019
Secondo Semestre
SSD: L-ANT/07
CFU: 6
Ore: 30
Dipartimento: Dipartimento di Studi Umanistici
SSD: L-ANT/07
CFU: 6
Ore: 30
Dipartimento: Dipartimento di Studi Umanistici

Pubblicazioni

Ricerca

Temi correnti di ricerca

Selinunte punica

Soprattutto la sfera del sacro permette di distinguere tra la componente greca e quella punica nella Selinunte di età ellenistica.

 

Architettura in blocchi lapidei a Selinunte

L’esame delle caratteristiche tecniche osservabili nei blocchi lapidei di età arcaica e classica permette di acquisire nuovi dati su numerosi aspetti dell’architettura selinuntina.

 

I santuari di Agrigento fra IV e III secolo a.C.

Recenti ricerche hanno permesso di ampliare e di rileggere quanto sin qui acquisito dalla ricerca relativamente alle aree sacre agrigentine tra la rifondazione timoleontea e la conquista romana.

 

Finito e non finito nell’architettura di Agrigento

Il non finito è la caratteristica tecnica che maggiormente permette di proporre nuove letture di alcune strutture sacre e civili dell’architettura agrigentina in blocchi lapidei.

 

L’adyton negli edifici sacri dell’Occidente greco

L’esame degli adyta degli edifici sacri della Magna Grecia e della Sicilia consente non solo di approfondire alcuni aspetti relativi al culto ma anche di riflettere sulle diverse fasi di uso di alcuni di essi.

 

Le cinque pubblicazioni più significative della carriera

  1. Gli edifici arcaici del santuario delle divinità ctonie di Agrigento. Problemi di cronologia e di architettura, Alessandria 2001.
  2. Le fasi costruttive del cosiddetto santuario rupestre di Agrigento: alcune osservazioni, in “Sicilia Antiqua”, 1 (2004), pp. 41-79.
  3. Il muro di temenos e l’altare del tempio D di Selinunte: alcune osservazioni, in “Sicilia Antiqua”, 3 (2006), pp. 49-66.
  4. L’immagine di Eracle con il toro nelle cretule di Selinunte punica, in C. Lippolis, S. de Martino (a cura di), Un impaziente desiderio di scorrere il mondo. Studi in onore di Antonio Invernizzi per il suo settantesimo compleanno, Firenze 2011, pp. 29-33.
  5. Il culto di Demetra a Selinunte, in “Sicilia Antiqua”, 12 (2015), pp. 25-43.