Ricevimento e Altre Informazioni

ricevimento studenti il mercoledì dalle 12.00 alle 13.00 su appuntamento (da concordare via mail)

A. A. 2016 / 2017
Annuale
SSD: N
CFU: 8
Dipartimento: Dipartimento di Medicina Traslazionale
Primo Semestre
SSD: M
CFU: 1
Dipartimento: Dipartimento di Scienze della Salute
Secondo Semestre
SSD: M
CFU: 2
Dipartimento: Dipartimento di Medicina Traslazionale
SSD: M
CFU: 1
Dipartimento: Dipartimento di Medicina Traslazionale
A. A. 2017 / 2018
Primo Semestre
SSD: M
CFU: 1
Dipartimento: Dipartimento di Scienze della Salute
Secondo Semestre
SSD: M
CFU: 2
Dipartimento: Dipartimento di Medicina Traslazionale
A. A. 2018 / 2019
Primo Semestre
SSD: M
CFU: 1
Dipartimento: Dipartimento di Scienze della Salute
Secondo Semestre
SSD: M
CFU: 2
Dipartimento: Dipartimento di Medicina Traslazionale
A. A. 2019 / 2020
Primo Semestre
SSD: M
CFU: 1
Dipartimento: Dipartimento di Scienze della Salute
Secondo Semestre
SSD: M
CFU: 2
Dipartimento: Dipartimento di Medicina Traslazionale
A. A. 2020 / 2021
Primo Semestre
SSD: M
CFU: 1
Dipartimento: Dipartimento di Scienze della Salute
Secondo Semestre
SSD: M
CFU: 2
Dipartimento: Dipartimento di Medicina Traslazionale

Pubblicazioni

Ricerca

TEMI CORRENTI DI RICERCA

1. Ricerca di biomarcatori per tumori cutanei non-melanoma in pazienti portatori di trapianto di organo solido.

ll trattamento immunosoppressivo è il principale fattore di rischio correlato allo sviluppo di neoplasie cutanee nei pazienti con trapianto di organo solido. Tuttavia, il potenziale ruolo oncogenetico di tale trattamento non giustifica le differenze nel numero, nell’istotipo e nelle modalità di insorgenza e progressione dei carcinomi cutanei. Scopo di questo progetto è di identificare eventuali ulteriori fattori di rischio endogeno ed esogeno, in particolare il ruolo svolto dalle cellule T-regolatorie, dalle infezioni da HPV e l’importanza di specifiche alterazioni genetiche ed epigenetiche. 

2. Studio di biomarcatori del campo di cancerizzazione e potenziale ruolo nella risposta alla terapia. 

La coesistenza di lesioni cutanee precancerose e di carcinomi cutanei su aree di cute fotodanneggiata costituisce il cosiddetto “campo di cancerizzazione”, caratterizzato istologicamente da fenomeni di disregolazione della proliferazione e da perdita della polarità cellulare.  Scopo di questa ricerca è di identificare nuove molecole coinvolte nei processi di proliferazione e differenziazione cheratinocitaria nel campo di cancerizzazione e valutarne le eventuali modificazioni dopo il trattamento allo scopo di confermarne l’eventuale ruolo come marcatori di risposta.

3. Utilità diagnostica e prognostica dell’mRNA per la tirosinasi nei pazienti affetti da melanoma.

La tirosinasi è un enzima che catalizza alcune tappe fondamentali della biosintesi della melanina ed è espresso solo in cellule di derivazione neuroectodermica. Scopo di questo lavoro è quello di chiarirne la validità nell’identificazione di cellule di melanoma circolanti nel sangue venoso periferico o presenti in altri liquidi biologici (essudato pleurico e pericardico, ascite, bile e liquido cefalo-rachidiano) e di valutarne il potenziale ruolo come marcatore precoce della malattia metastatica e/o dei pazienti ad elevato rischio di progressione.

4. Monitoraggio delle sottopopolazioni linfocitarie circolanti e dei livelli sierici di citochine endogene in pazienti affetti da melanoma in immunoterapia e in altre patologie cutanee.

Scopo di questo lavoro è l’identificazione di parametri biologici utili nell’identificazione dei pazienti affetti da melanoma metastatico potenzialmente responsivi alla terapia con immunomodulatori. In particolare verranno presi in esame i livelli sierici di citochine ad azione immunomodulante e le sottopopolazioni linfocitarie ad esse correlate, e le loro eventuali modificazioni durante il trattamento, correlandole con la risposta alla terapia. Lo studio di tali parametri verrà inoltre applicato al monitoraggio dei pazienti affetti da psoriasi sottoposti a trattamento con farmaci biologici.