Ricevimento e Altre Informazioni

Durante il primo semestre, ricevimento su appuntamento previa mail.  

Durante il secondo semestre, martedì ore 17.00-18.00; mercoledì 9-12.00. 

A. A. 2010 / 2011
Primo Semestre
SSD: IUS/16
CFU: 6
Ore: 44
Dipartimento: Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali
A. A. 2011 / 2012
Annuale
SSD: IUS/16
CFU: 6
Ore: 44
Dipartimento: Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali
A. A. 2012 / 2013
Secondo Semestre
SSD: IUS/16
CFU: 6
Ore: 44
Dipartimento: Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali
A. A. 2013 / 2014
Primo Semestre
SSD: IUS/16
CFU: 6
Ore: 44
Dipartimento: Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali
A. A. 2014 / 2015
Annuale
SSD: IUS/16
CFU: 15
Ore: 44
Dipartimento: Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali
Primo Semestre
SSD: IUS/16
CFU: 6
Ore: 44
Dipartimento: Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali
A. A. 2015 / 2016
Annuale
SSD: IUS/16
CFU: 15
Ore: 80
Dipartimento: Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali
Primo Semestre
SSD: IUS/16
CFU: 6
Ore: 44
Dipartimento: Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali
A. A. 2016 / 2017
Annuale
SSD: IUS/16
CFU: 15
Ore: 80
Dipartimento: Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali
Secondo Semestre
SSD: IUS/16
CFU: 6
Ore: 44
Dipartimento: Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali
A. A. 2017 / 2018
Secondo Semestre
SSD: IUS/16
CFU: 6
Ore: 44
Dipartimento: Dipartimento di Giurisprudenza e Scienze Politiche, Economiche e Sociali

Pubblicazioni

Ricerca

Le sintomaticità delle nuove dinamiche del processo penale. Sulla spinta delle istanze di internazionalizzazione ad opera delle corti europee e delle Istituzioni UE, s’intende disvelare nuovi approcci nel considerare funzione e limiti del diritto processuale penale moderno, attraverso il dialogo su vari livelli, nazionali e internazionali, al duplice scopo di individuare quel nucleo di garanzie che rappresenta il minimo comune denominatore del diritto processuale europeo e di verificarne le strutture portanti dotate di coerenza sistematica.

L'esecuzione in ambito UE del sequestro e della confisca (d.lgs. 15.2.2016 n. 35; d.lgs. 7.8.2015 n. 137). L’intento dell’attività di ricerca è quello di dare un ulteriore impulso alla comparazione scientifica, non soltanto per esporre soluzioni in parallelo, ma anche per esprimere scelte capaci di scavare a fondo negli atteggiamenti culturali che sorreggono i formanti del diritto processuale penale. Verranno, in particolare, approfondite le problematiche legate all’esecuzione di sequestro e confisca in ambito UE e all’estensione del principio del reciproco riconoscimento ai suddetti provvedimenti.

Le “interazioni” del processo penale con le istanze legate al terrorismo internazionale. In un contesto globalizzato da internet, nel costante bilanciamento tra logiche emergenziali ed istanze di sicurezza, s’intende offrire una riflessione nell’ambito del dibattito sulle misure antiterrorismo. Esigenze di civiltà giuridica impongono una verifica critica delle scelte politiche limitative dei diritti fondamentali, dovendosi escludere che il processo di integrazione possa risolversi in un arretramento dei presidi garantistici di tradizione secolare.

----------------------------------------------------------------------

The Influence of the European Law and ECHR on the National Criminal Procedure. In the light of the ECHR jurisprudence and the principle of mutual recognition in the EU the research is due to offer an evolution of different legal systems in order to give an alternative solution to national models’ “balkanization” in criminal procedure area.

Freezing, confiscation and recovery of assets. Focus on Directive 2014/42/EU and the state of play in relation to its provisions and its Italian transposition  (d.lgs. 15.2.2016 n. 35; d.lgs. 7.8.2015 n. 137) In the framework of Transnational Crimes it suggests how to implement a new system as a model of a new form of judicial cooperation between Member States.

International antiterrorism co-operation. The aim is to investigate the impact of the international antiterrorism legislation at the Italian Constitutional level in the perspective of both legal challenges and protection of human rights in judicial  co-operation.